Pagine menù
TwitterRssFacebook
DA ANNI VAI IN GIRO A DIRE CHE SEI UNICO... È MALEDETTAMENTE VERO!
QUESTO SIGNIFICA CHE POTRESTI ESSERE PROPRIO TU A SALVARE UNA VITA
CON CHI STA ASPETTANDO IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO
SOLTANTO 1 PERSONA SU 100.000 È COMPATIBILE
SHS
Categorie Menù

Eventi e dintorni, FARE su apr 4, 2013

Da oggi nelle sale Bianca come il latte, rossa come il sangue

È da oggi nelle sale cinematografiche di tutt’Italia il film “Bianca come il latte, rossa come il sangue”, tratto dal romanzo omonimo di Alessandro D’Avenia (che, fra l’altro, ha lavorato anche alla sceneggiatura della pellicola, con Fabio Bonifacci).

In questo film, che ruota attorno al mondo degli adolescenti di oggi, c’è anche il mondo che ruota attorno ad ADMO. Una diagnosi che parla di leucemia, la ricerca di un donatore compatibile di midollo osseo, la possibilità di riagguantare la vita grazie a un trapianto…
E la Casa di produzione cinematografica, Lux Vide, nella consapevolezza di trattare argomenti di vitale importanza ha chiesto a ADMO – nelle persone della Presidente Paola De Angelis e della responsabile nazionale della comunicazione Loredana Ranni – una consulenza tecnica, del soggetto e della sceneggiatura.
Oltre al fatto che il film è la riduzione cinematografica di un libro di successo e che la colonna sonora vede protagoniste le canzoni dei Modà, di fondamentale importanza è quanto ha già notato qualche giornalista all’anteprima del film. Ovvero… “non da poco l’invito finale, prima dei titoli di coda, a diventare donatori di midollo osseo attraverso ADMO”.
 
 
La storia raccontata nel film
 
Leo ha sedici anni. E per lui la vita ha solo due colori: il bianco e il rosso.
Non si pettina mai, gioca a calcetto, ascolta musica a tutto volume, così non pensa. Detesta fare i compiti ma non gli importa, perché sa che li copierà.
La scuola è bella. Soltanto il pomeriggio, però, quando i prof non ci sono.
Il bianco è il vuoto assoluto, il silenzio, la noia e fa paura. Da evitare.
Il rosso è il sangue che pulsa nelle vene prima di una partita, è il colore dei capelli di Beatrice, la ragazza dei suoi sogni. Da rincorrere.
Farebbe qualunque cosa per lei perché ne è innamorato, innamorato pazzo di Beatrice. Anche se lei ancora non lo sa.
Quando finalmente trova il coraggio di avvicinarsi alla ragazza, scopre che Beatrice sta attraversando un grande dolore: è malata di leucemia e ha bisogno di un donatore che le possa donare il midollo osseo.
Di fronte alla sua sofferenza, Leo si trova a crescere e a fare delle scelte intorno al suo mondo, che lo guarda e lo incoraggia: i genitori, i compagni, un professore davvero “speciale”.
E poi c’è Silvia, l’amica di sempre, la confidente fedele di ogni suo segreto.
 
 
Che cosa dice il regista, Giacomo Campiotti
 
“Mi sono molto divertito a girare questo film. Con grande libertà e leggerezza, ho cercato di usare il linguaggio dei ragazzi, i loro ritmi bruschi, spezzati e, improvvisamente, delicati e dolcissimi. Giorni che volano via inafferrabili e istanti infiniti conficcati nella carne.
Insieme con i miei validi collaboratori ho cercato di dare agilità e freschezza alla macchina da presa, al montaggio e alle musiche. Non è un film oggettivo. Tutto è visto dagli occhi di Leo. Gli spazi e i luoghi della città dove si svolge la storia non sono realistici, ma sono colorati e trasfigurati dal filtro emotivo del momento che Leo vive. Ho lavorato soprattutto per preservare e cogliere la sua emozione. Ho cercato di raccontare come corre sotto la pelle e a volte anche sopra. Dalla vetta del mondo al baratro più profondo. Senza passare dal mezzo. A sedici anni il tiepido non esiste.
Ho cercato di realizzare un film che faccia sorridere, ma anche pensare e commuovere. Un difficile equilibrio sul filo del rasoio. Parlare di valori, senza retorica. Raccontare un dolore ma avere un film pieno di vita.
Mi sono avvicinato con grande rispetto e curiosità a questi giovani attori. Il mio lavoro è stato soprattutto al loro servizio. Per aiutarli a non recitare, ma a essere se stessi mantenendo la loro verità spiazzante. Il “cinema” viene dopo. Per cogliere la loro spregiudicatezza. Il loro coraggio. La loro disperazione. Il loro amore. Totale. A perdere. Senza condizione.
Questo film è un atto d’amore”.

LUX VIDE e RaiCinema

presentano

 
un film prodotto da
Matilde e Luca Bernabei
 
regia di
Giacomo Campiotti
 
con
 
Filippo Scicchitano
Aurora Ruffino
Gaia Weiss 
Romolo Guerreri
 
e con
Luca Argentero

 

http://www.luxvide.it/ – Sito ufficiale di LUX VIDE

http://www.rockmoda.com/ – Sito ufficiale dei Modà

http://www.profduepuntozero.it/ – Il Blog di Alessandro D’Avenia

                                             

I commenti sono chiusi.