Al Curie 16 ragazzi diventano potenziali donatori di midollo osseo

 in News dalla rete

LE VICO TERME. Sono stati 16 i ragazzi dell’Istituto Marie Curie di Levico Terme che hanno deciso di diventare potenziali donatori di midollo osseo dopo aver partecipato a un incontro con Admo Trentino. L’iniziativa era partita da una studentessa che, essendosi presa a cuore la questione, ha deciso di coinvolgere i suoi compagni in questa importante campagna. Durante l’incontro Monica Fantini, responsabile comunicazione di Admo Trentino, ha spiegato lo scopo principale dell’associazione, ovvero informare ogni singola persona sulla possibilità di dare una nuova opportunità di vita a chi sta lottando per avere la meglio su un tumore del sangue (come la leucemia, il linfoma, il mieloma) e incrementare il numero di donatori di midollo osseo. Sono molte le persone che ogni anno, non soltanto in Italia ma anche nel resto del mondo, necessitano di trapianto. Purtroppo la compatibilità genetica è un fattore molto raro, 1:100.000, e ha maggiori probabilità di esistere tra consanguinei. Per coloro che non hanno un donatore consanguineo la speranza di trovare un midollo compatibile per il trapianto è legata all’esistenza del maggior numero possibile di donatori tipizzati, dei quali cioè siano note le caratteristiche genetiche.

Stefano Dalvai, volontario di Admo Trentino e trapiantato di midollo osseo, ha parlato ai ragazzi del Marie Curie della sua esperienza con la leucemia, la solitudine per il tempo passato in una camera sterile, il dolore fisico ma soprattutto psicologico per non poter avere vicino i suoi cari. Aveva solo un mese di vita davanti a sé quando finalmente è stato trovato il donatore: grazie a quel dono ora Stefano è vivo e con forza straordinaria può parlare ai giovani della sua esperienza. Gli studenti hanno seguito con estremo entusiasmo ed empatia l’intervento e a fine conferenza, di circa 30 ragazzi presenti già maggiorenni (ci si può iscrivere ad Admo tra i 18 e i 35 anni non compiuti)
in 16 hanno deciso di diventare donatori. Con un semplice prelievo di sangue entreranno nel Registro dei donatori di midollo osseo e a quel punto saranno a disposizione fino ai 55 anni per il loro “gemello di midollo”: saranno quindi speranze di vita per ogni malato nel mondo.

fonte: trentinocorrierealpi.gelocal.it/

ADMO Curie 16 tipizzati

Recent Posts
Contattaci

Per qualsiasi cosa puoi inviarci una mail compilando il modulo qui sotto. Risponderemo il prima possibile!

Digitare il termine di ricerca e premere Invio