Con i fratelli Bergamasco il rugby fa meta in corsia

 in Eventi e dintorni, FARE
Provate a pensare ad una decina di ragazzoni che vestono i colori della Nazionale Italiana di rugby. Aggiungete un team manager e un medico di squadra che tengono fra le mani un sacco pieno di mini palloni ovali, in tutto uguali a quelli regolamentari. Immaginate tanti piccoli pazienti nel reparto di oncoematologia pediatrica di Padova in attesa di cure, esami, visite. Mescolate il tutto con medici, infermieri, un primario e qualche volontario ADMO: ecco un bel po’ di confusione, molti sorrisi e tantissima allegria, che scaccia via, per una mattinata, le ombre della malattia. Due giorni prima della partita di rugby Italia-Australia (che l’8 novembre scorso si è svolta a Padova), gran parte della squadra – guidata da Mauro e Mirco Bergamasco, da tempo testimonial ADMO, e da Marco Bortolami, anche lui donatore ADMO – ha fatto visita ai bambini presenti nel reparto. Grande emozione negli occhi dei due fratelli del rugby ad ascoltare le spiegazioni del professor Carli, il primario che li ha accolti e accompagnati nella visita. Tanti visetti malinconici si sono illuminati nel sorriso quando hanno ricevuto la simbolica palla ovale in miniatura e anche quando, chiacchierando con i campioni che li tenevano in braccio, hanno posato per simpatiche foto ricordo e giocato con loro. Proprio dalle pagine di questo notiziario, ADMO desidera ringraziare la sensibilità degli atleti e della Federazione Italiana Rugby, che hanno dimostrato di essere veri ‘campioni di solidarietà’.
Loredana Drago
Recent Posts
Contattaci

Per qualsiasi cosa puoi inviarci una mail compilando il modulo qui sotto. Risponderemo il prima possibile!

Digitare il termine di ricerca e premere Invio