Erri De Luca con ADMO e Climb for Life per parlare di donazione

 In Eventi e dintorni, FARE
Sabato 20 luglio alle ore 18.00 nel fienile di Ciaminades della poetessa e scrittrice Roberta Dapunt, in località Pedraces a Badia, ADMO Trentino e l’Associazione Climb for Life presentano una serata informativa sulla donazione di midollo osseo.
 
Sarà proiettato “Il turno di notte lo fanno le stelle”, racconto-film di Erri De Luca con la regia di Edoardo Ponti, presentato all’ultimo Film Festival della Montagna a Trento e vincitore negli Stati Uniti del premio come miglior cortometraggio al Tribeca Film Festival di New York.
E’ la storia di Sonia e Matteo che scalano insieme un picco delle Dolomiti per mantenere un voto fatto in ospedale, quando entrambi erano in attesa dell’intervento chirurgico che avrebbe cambiato le loro vite: un trapianto di cuore per lui e una nuova valvola mitrale per lei.
E’ la storia di una scalata capace di chiudere un capitolo doloroso e aprire quello di una seconda vita, una seconda possibilità.
E’ il racconto del profondo significato della donazione e del dono, che viene ripreso in “Conversazioni all’aria aperta”, il documentario montato parallelamente al film e nel quale brevi interviste focalizzano i pensieri e le esperienze di chi la donazione la vive ogni giorno.
 
Alla serata saranno presenti Erri De Luca, Carmelo Ferrante Presidente di ADMO Trentino e donatore effettivo di midollo osseo, Ivana Lorenzini rappresentante della Giunta Nazionale ADMO Federazione Italiana e Vice Presidente di ADMO Trentino, Emanuela Imprescia Vice Presidente di ADMO Bolzano e mamma di Alessandro Poli, un bimbo trapiantato, Pietro Dal Prà co-fondatore di Climb for Life e testimonial ADMO.
 
Concluderanno la serata Nives Meroi e Romano Benet, alpinisti di fama mondiale e prima coppia al mondo con il maggior numero di ottomila raggiunti.
Romano racconterà la sua malattia, l’aplasia midollare, e i suoi due trapianti di midollo osseo: “Il nostro quindicesimo ottomila, il più importante. Mi è mancata tanto la libertà di movimento, e mi è mancata la dimensione del viaggio, più che la scalata in sè stessa: la gente, i paesi, i luoghi che incontri” come dichiarò in un’intervista rilasciata nel 2011 a Montagna TV.
A solo un anno dal trapianto i due alpinisti sono tornati a scalare l’Himalaya per concludere tutti gli ottomila: “La malattia si affronta come la montagna: un passo dopo l’altro, in umiltà e senza mai perdere il coraggio”.

Recent Posts
Contattaci

Per qualsiasi cosa puoi inviarci una mail compilando il modulo qui sotto. Risponderemo il prima possibile!

Start typing and press Enter to search